Pubblicità

 

 

 

 

Pubblicisti

13/05/2021

Congresso USSI: Gianfranco Coppola Presidente

A marzo 2021 l’Unione Stampa Sportiva Italiana volta pagina. A marzo 2007 partì la Presidenza Ferrajolo – all’epoca vi-ce direttore del Corriere dello Sport e prima firma del calcio - dopo una brusca rottura con il board precedente. Dopo tre mandati e mezzo, in una sfida tra due veterani dell’USSI, subentra Gianfranco Coppola, caporedattore vicario della TGR campana, voce e volto di RAI Sport, già vicepresidente e responsabile dei rapporti internazionali, il quale batte nettamen-te Franco Morabito, presidente della conferenza dei presidenti regionali e responsabile comunicazione della Federcanot-taggio.


Coppola segna il suo debutto alla presidenza con un grande attività in termini di organizzazione, p.r. e contatti. Si circon-da di un Consiglio di Presidenza in cui abilmente vengono mischiati elementi di comprovata esperienza con forze fre-sche. I due vicepresidenti professionali sono Ussini di lungo corso, la vicaria Mimma Caligaris e Riccardo Signori. La struttura di segreteria si poggia sulle inesauribili spalle di Guido Lo Giudice, prezioso acquisto recente,  con l’indispensabile ausilio di Enza Bertone, navigatissima persona di ambito CONI e Sport e Salute. Le due new entry sono Mario Frongia, che si occuperà di formazione, e Giuliano Veronesi, vicepresidente che presidierà l’area dei fotografi, cru-ciale e “ribollente” al tempo stesso per le condizioni oggettive di lavoro.
Il debutto di Coppola ha di fatto coinciso con quello della neo sottosegretaria di governo allo sport Valentina Vezzali, che come in pedana ha piglio da guerriera ma ha anche maturato buona consapevolezza dall’esperienza in politica per cui sa che è necessario far combaciare il desiderio con il realizzabile. Appare subito chiaro che la Vezzali possiede la qualità dei valori dei 5 cerchi nel DNA e la capacità di dedicare energie ad approfondire la conoscenza su uomini e situazioni.


Si è fortemente interessata alla diffusione capillare sul territorio dell’USSI (ovviamente spendendo parole di elogio per l’impegno delle Marche, la sua regione di origine), attribuendo alla ramificata mappa USSI le qualità di punto di grande attrattiva per chi ha necessità di sapere cosa si fa nel mondo dello sport e quanto si vorrà fare. È stato anche questo il senso dell’incontro con Vito Cozzoli presidente di Sport e Salute S.p.A.
Il presidente del Coni Giovanni Malagò è da tempo assiduo frequentatore di eventi sportivi di ogni disciplina e nell’anno Olimpico si trova a concorrere con Renato di Rocco, Franco Chimenti e Antonella Belluti, nel Congresso elettivo del 13 maggio a Milano avverrà il momento-verità.


La benemerita USSI è orgoglio per il Comitato Olimpico Nazionale Italiano da 75 anni. Il calcio con i suoi Campanili, ri-cordiamo che la FIGC ha sedi in ogni regione, comitati in ogni provincia, alla base della reciproca volontà di collaborare sempre più sia per la parte strettamente di competenza legata alle competizioni sportive, all’accesso alle fonti, sia per seminari formativi spalmati sul territorio nazionale sono stati alla base dell’incontro con il Presidente della Federcalcio Gabriele Gravina.
E le storie… quelle che accompagnano la narrazione sportiva, quelle tra nuove realtà e sodalizi gloriosi, tra piccole città e grandi centri, quelle dei club storici e noi sempre lì a rappresentarne le gesta. Proprio “quelle” saranno i punti di ripar-tenza per un racconto del calcio tra antichi valori e nuove opportunità, come concordato con il presidente della LegaPro Francesco Ghirelli.


Nel cammino USSI esplorerà altre situazioni, si cercherà di stabilire o ristabilire momenti di confronto su cosa non va, di ragionare e ideare possibili soluzioni su cosa dovrà andar meglio. Verranno incontrate ancora le Leghe, le Federazioni, gli Enti e le Associazioni che hanno a cuore la promozione e la salvaguardia dei valori per lo sport.
75 anni di racconto dello sport sono un traguardo stupendo per imparare a pensare coniugando il futuro, più che mai in tempi come questi.


 

 

 

dicembre 2021


EDITORIALE

di: Alberto Bortolotti

Qualche tempo fa è finalmente arrivata la risposta alla domanda "a cosa servono i giornalisti a cosa serve il loro Ordine?". L'hanno data in diretta due voci radiofoniche. Sabato 27 maggio sui 97.3 e 97.6 di Radio International il giornalista Leo Vicari (dipendente dell'azienda) si è... (...segue +)

Focus

Internazionale

I media multiculturali in italia

I media multiculturali in Italia sono un fenomeno non tanto recente...

...leggi »

Medicina

Smoke free Class Competition

Il fumo di tabacco è la principale causa di numerose malattie...

...leggi »

Ambiente

Sale pericoloso

Il titolo può far pensare alla classica notizia riguardante la salute Ed invece no...

...leggi »

Pubblicisti

Lettera GIPU N.26/N.15. Ai giornalisti pubblicisti dell'Emilia Romagna

Care Colleghe e cari Colleghi   vi inviamo la prima...

...leggi »

Lavoro

Il cambiamento aziendale come strumento di accreditamento

Grandi cambiamenti in atto Il mondo non è più...

...leggi »

SPONSOR

PARTNER

LINK