Pubblicità

 

 

 

 

Società

16/05/2019

Martiri di carta

Accanto alla guerra combattuta tra le trincee, sui mari e nei cieli, durante la Grande Guerra se ne è combattuta un'altra attraverso i mezzi di informazione per esaltare l'eroismo dei propri soldati e rincuorare gli affetti che trepidavano a casa. Qualcuno è arrivato ad affermare che " anche le parole sono in armi ". I giornalisti hanno garantito una continua informazione anche se filtrata dalla censura e dalle veline degli uffici informazioni dell'esercito. Ma molti di loro hanno scelto di andare a combattere per la patria in prima linea. Da parte italiana ne sono morti 264 e anche l'Emilia Romagna ha dato un importante contributo di sangue e di eroismo, venuto alla luce grazie a una ricerca commissionata dall' Ordine dei Giornalisti e dalla Fondazione Murialdi per il giornalismo.

Il volume " Martiri di carta, i giornalisti caduti nella Grande Guerra ", scritto da Pierluigi Roesler Franz e da Enrico Serventi Longhi per Gaspari Editore racconta, le loro storie partendo da quella di Garibaldi Franceschi, redattore modenese del Corriere di Livorno, unico ad avere avuto la copertina della Domenica del Corriere. Tra gli altri eroi mi piace ricordare Pietro Bartoletti di Cesena della società Leonardo da Vinci e Cesare Bonola dell'Avvenire d'Italia che, benché ferito ad Oslavia, volle partecipare con i suoi bersaglieri ad un assalto che gli costò la vita. Un eroe al servizio delle persone bisognose d'aiuto, tanto che nel 1908 aveva partecipato come volontario ai soccorsi dopo il terremoto di Messina.

 

 

 

aprile 2021


EDITORIALE

di: Alberto Bortolotti

Qualche tempo fa è finalmente arrivata la risposta alla domanda "a cosa servono i giornalisti a cosa serve il loro Ordine?". L'hanno data in diretta due voci radiofoniche. Sabato 27 maggio sui 97.3 e 97.6 di Radio International il giornalista Leo Vicari (dipendente dell'azienda) si è... (...segue +)

Focus

Medicina

Evitare le strette di mano negli ospedali per ridurre le infezioni

Storia del lavaggio mani in...

...leggi »

Internazionale

I media multiculturali in italia

I media multiculturali in Italia sono un fenomeno non tanto recente...

...leggi »

Sport e auto

Una Ferrari che tende alla globalizzazione ma con il cuore tutto sul territorio

Subito dopo lo...

...leggi »

Formazione

Un nuovo apprendimento: cambiare il modo di cambiare

Abbiamo bisogno di ripartire se non da zero...

...leggi »

Agroalimentare

A Casola Valsenio si ricordano i frutti dimenticati

La Valle del Senio nel comprensorio turistico delle...

...leggi »

SPONSOR

PARTNER

LINK