Pubblicità

 

 

 

 

Ambiente

05/09/2017

Un altro successo per la manifestazione Appenino Bike Tour

La prima edizione dell'Appennino Bike Tour si chiude con un bilancio positivo, si pensa ad una programmazione triennale.


Articolo di: Serena Revetria       Foto di: Redazione



Macinate 42 tappe, dalla Liguria alla Sicilia, attraverso 14 regioni, 23 province, 296 comuni e 25 parchi nazionali e regionali. E’ tempo di bilanci per “Appennino Bike Tour”, il ciclo-viaggio istituzionale che dal 15 luglio al 25 agosto ha attraversato da Nord a Sud l’intera Dorsale.


Nata col triplice obiettivo di far conoscere le eccellenze della montagna, promuovere l’offerta di servizi turistici esistente in un’ottica di qualificazione delle micro, piccole e medie imprese del terziario, valorizzare i territori adottando modelli di sviluppo sostenibile, rilanciando il patrimonio ambientale dell’Appennino, la più grande pedalata ecologica d’Italia - con tanto di staffetta istituzionale dei sindaci e passaggio del drappo tricolore di municipio in municipio - è partita da Altare (Savona), arrivando fino ad Alia (Palermo).


L’iniziativa, fortemente voluta e coordinata da Vivi Appennino è stata realizzata con il sostegno del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, unitamente al contributo di Confcommercio Imprese per l’Italia e Confcommercio Ascom Bologna.


“Siamo soddisfatti e felici di questa prima edizione - sottolinea Enrico Della Torre - abbiamo percorso 2.600 km su e giù per l’Italia: un tour faticoso ma per niente solitario visto che, strada facendo, al team di “Vivi Appennino” si sono aggiunti associazioni, pro loco, gruppi sportivi, ciclisti professionisti e amatoriali. Insomma - prosegue l’ideatore del giro - siamo riusciti a coinvolgere istituzioni, organizzazioni imprenditoriali e semplici cittadini potendo contare su tempi organizzativi ristretti: da oggi in poi, come del resto ci è stato richiesto da più parti, la programmazione di “Appennino Bike Tour” diventerà... (...segue +)

 

 

 

ottobre 2017


EDITORIALE

di: Alberto Bortolotti

Qualche tempo fa è finalmente arrivata la risposta alla domanda "a cosa servono i giornalisti a cosa serve il loro Ordine?". L'hanno data in diretta due voci radiofoniche. Sabato 27 maggio sui 97.3 e 97.6 di Radio International il giornalista Leo Vicari (dipendente dell'azienda) si è... (...segue +)

Focus

Cultura e Spettacolo

Adamo e Deva in scena a Maranello

Claudia Penoni e Vito al Teatro Auditorium Enzo Ferrari...

...leggi »

Sport e auto

Lamborghini Veneno Roadster

Sant’Agata Bolognese 18102013 - A conclusione delle celebrazioni per il 50° anniversario Automobili...

...leggi »

Turismo

Un Po di Mongolfiere

Se avete tempo regalatevi una giornata a Ferrara nel mondo delle...

...leggi »

Scienza

Nuove tecnologie crescono all’ombra del volontariato e si nutrono di sole

Prima della partenza per l’Australia...

...leggi »

Formazione

Firmato il protocollo di intesa tra Unaga e SINU

Il 2 dicembre Unaga insieme a SINU (Società...

...leggi »

SPONSOR

PARTNER

LINK