Pubblicità

 

 

 

 

Agroalimentare

08/08/2014

Lo Scalogno di Romagna

A Riolo Terme una fiera per celebrarlo


Articolo di: Matteo Franzoni



Sulle “Terre di Faenza”, nelle colline in provincia di Ravenna, in questo spicchio di Romagna,  il buongusto è di casa. Nel corso dell’estate sono numerose le feste, le sagre e gli eventi dedicati alla buona cucina e al buon vino. Uno degli esempi più interessanti e originale è quello legato allo Scalogno IGP di Romagna che viene celebrato, festeggiato ma soprattutto mangiato a Riolo Terme nel corso della tradizionale sagra a esso dedicata.


Da sempre coltivato in Romagna, la Pro Loco di Riolo Terme nel 1992 decise di organizzare una festa ad hoc per promuovere questo prodotto tipico della tradizione locale, che nel 1997 ha anche ottenuto il riconoscimento IGP (Indicazione Geografica Protetta).

Nelle vie centrali del paese si è tenuto il mercato dei produttori di Scalogno IGP. I ristoratori hanno proposto pietanze a base di Scalogno, mentre nel nuovo e accogliente stand della Pro Loco, allestito al Parco Pertini, è stato possibile degustare ricchi menù a tema dedicati al prelibato bulbo. Si sono gustati: fiori di cipolline e salsa di scalogno, tagliolini allo scalogno, polenta al ragù di scalogno, salsiccia di castrato allo scalogno, frittate di scalogno, per citare solo alcune delle pietanze.


Talvolta gli occhi lacrimano e una ventata pungente invade le narici, poi al palato lo scalogno di Romagna (Allium Ascalonicum) è un’autentica prelibatezza, capace di donare ai cibi un sapore che ne esalta il gusto. Lo scalogno, che non è un aglio né una cipolla, è un piccolo bulbo che appartiene sempre della famiglia delle Liliacee. Dal colore bianco violaceo è avvolto da una pellicola esterna di diverso colore, dal ramato al rossastro.


Molteplici sono gli usi dello Scalogno di Romagna in cucina: le foglie, raccolte ancora verdi e tagliate finemente, sono ottime per insaporire le insalate (pomodoro, lattuga, cicoria, patate lessate, ecc…). I bulbi freschi ripuliti dalla loro pellicola esterna si tagliano a fettine per aromatizzare le pietanze, conferendo a queste un sapore leggermente piccante. Inoltre, con i bulbi sempre finemente tagliati, cubetti di prosciutto e pomodoro fresco si prepara un gustoso ragù. Lo scalogno è ottimo anche come contorno delle pietanze nelle versioni sottolio e sottaceto.

 

 

 

dicembre 2019


EDITORIALE

di: Alberto Bortolotti

Qualche tempo fa è finalmente arrivata la risposta alla domanda "a cosa servono i giornalisti a cosa serve il loro Ordine?". L'hanno data in diretta due voci radiofoniche. Sabato 27 maggio sui 97.3 e 97.6 di Radio International il giornalista Leo Vicari (dipendente dell'azienda) si è... (...segue +)

Focus

Cultura e Spettacolo

Objets trouvés - Archivi per un grande magazzino

  CSAC - Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università...

...leggi »

Economia

Stabili le imprese femminili

Al 31 marzo scorso le imprese attive femminili erano 84454 pari al...

...leggi »

Lavoro

Brainworker. Chi è costui?

Tra le nuove figure di questo nostro tempo c’è n’è una che...

...leggi »

Pubblicisti

Lettera GIPU N.26/N.15. Ai giornalisti pubblicisti dell'Emilia Romagna

Care Colleghe e cari Colleghi   vi inviamo la prima...

...leggi »

Società

La vera rivoluzione che ha cambiato il mondo

Un pensiero comune e condiviso credo da tutti...

...leggi »

SPONSOR

PARTNER

LINK