Pubblicità

 

 

 

 

Cronaca

08/06/2013

RFI Bologna Centrale AV prima fase di apertura

Inaugurate anche la stazione Reggio Emilia AV Mediopadana e la fermata Bologna Mazzini dell’SFM • Presenti i Ministri Maurizio Lupi, Infrastrutture e Trasporti, e Graziano Delrio, Affari Regionali e Autonomie • Bologna Centrale AV: 4 nuovi binari sotterranei dedicati all’AV che liberano quelli di superficie per i treni pendolari

Apre la prima parte della nuova stazione Bologna Centrale Alta Velocità, con quattro nuovi binari sotterranei per i treni AV che libereranno spazio in superficie a favore del traffico pendolare.


Presenti alla cerimonia il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi, il Ministro per gli Affari Regionali e delle Autonomie Graziano Delrio, il Presidente della Commissione Trasporti della Camera dei Deputati Michele Pompeo Meta, il Presidente della Regione Emilia Romagna Vasco Errani, il Sindaco di Bologna Virginio Merola, la Presidente della Provincia Beatrice Draghetti, accolti dal Presidente del Gruppo FS Italiane Lamberto Cardia e dall’Amministratore Delegato Mauro Moretti.


Inaugurate oggi anche la nuova stazione Reggio Emilia AV Mediopadana e la fermata Mazzini del Sistema Ferroviario Metropolitano bolognese, importanti opere destinate a migliorare il traffico ferroviario nell’intero nodo di Bologna. La prima fase di apertura di Bologna Centrale Alta Velocità è funzionale al flusso di traffico ferroviario programmato, in relazione al progressivo completamento della nuova stazione AV. I lavori di completamento delle opere integrative, infatti, proseguiranno anche nei prossimi mesi e saranno ultimati per fasi.


Sui nuovi quattro binari sotterranei fermeranno tutti i treni Alta Velocità, ad eccezione di quelli da e per Venezia/Udine e Ancona. I binari di superficie saranno liberati progressivamente a favore dei treni regionali e metropolitani, con sensibile vantaggio per i pendolari. Si realizza così una forte specializzazione tra linee dedicate prevalentemente al traffico locale e linee interessate dal traffico nazionale e internazionale.
In questa prima fase di apertura ai viaggiatori, nella nuova stazione Bologna Centrale AV saranno operativi, oltre ai quattro binari della stazione sotterranea, parte della hall AV, i nuovi sottopassaggi (in continuità a quelli della stazione esistente), il parcheggio Salesiani e il nuovo atrio di via de’ Carracci, che ricongiunge il quartiere Bolognina con il Centro storico. Progressivamente, tra il 2014 e il 2016, saranno disponibili al pubblico altre zone della stazione: in particolare, la strada sotterranea che si sviluppa longitudinalmente sopra i nuovi binari AV, denominata kiss&ride, che consentirà l’accesso diretto alla stazione AV dall’arteria stradale, gli ulteriori parcheggi sotterranei all’interno della stazione, il ripristino dei binari di superficie dal 12 al 15 e l’arredo urbano definitivo.


La nuova stazione Bologna Centrale Alta Velocità è stata progettata da Italferr (Gruppo FS Italiane), che ha effettuato anche la direzione dei lavori, e realizzata dal costruttore Astaldi. L’investimento complessivo di Rete Ferroviaria Italiana, committente dell’opera, è di 530 milioni di euro. Importante anche l’inaugurazione della stazione Reggio Emilia AV Mediopadana, che è stata raggiunta dalle Autorità a bordo di un Frecciarossa. Con il nuovo Terminal, Reggio Emilia avrà tempi di percorrenza minimi di 43 minuti verso Milano, 22 minuti per Bologna e 2 ore e 17 per Roma. Più vicine anche Rimini e la costa Romagnola, con possibilità di viaggi in giornata.
Progettata dall’architetto spagnolo Santiago Calatrava, la nuova stazione di Reggio Emilia è una struttura in acciaio, calcestruzzo e vetro e si sviluppa su due livelli lungo il viadotto esistente, inglobando al piano superiore i binari della linea AV, le banchine e lo spazio delle risalite che conducono all’ingresso, posto al piano terra, con spazi riservati ai servizi commerciali. L’opera è stata realizzata da Rete Ferroviaria Italiana che ha affidato la direzione lavori a Italferr. La ditta Cimolai è la società esecutrice dei lavori.


L’investimento, parte di RFI, parte della Regione Emilia Romagna, è stato di 79 milioni di euro.
A Bologna, poi, è stata inaugurata la fermata Mazzini, nuovo tassello del Sistema Ferroviario Metropolitano cittadino. La fermata è collocata sulla linea Bologna – Prato, fra le stazioni di Bologna Centrale e Bologna San Ruffillo. Realizzata all’interno della città, consente di raggiungere il centro storico in poco più di 5 minuti e rappresenta una nuova porta d’accesso alla città per i pendolari residenti nell’hinterland. Da Bologna Mazzini sono previsti collegamenti metropolitani e regionali tra il Capoluogo felsineo e le zone appenniniche e preappenniniche della Provincia e con la Toscana.

 

 

 

agosto 2020


EDITORIALE

di: Alberto Bortolotti

Qualche tempo fa è finalmente arrivata la risposta alla domanda "a cosa servono i giornalisti a cosa serve il loro Ordine?". L'hanno data in diretta due voci radiofoniche. Sabato 27 maggio sui 97.3 e 97.6 di Radio International il giornalista Leo Vicari (dipendente dell'azienda) si è... (...segue +)

Focus

Turismo

Giornata Mondiale dell

Si è svolta la conferenza stampa di presentazione di AcqueDotte: le attività della...

...leggi »

Pubblicisti

LETTERA GIPU N. 5 (34) – Consiliatura 2017-2020 AI GIORNALISTI PUBBLICISTI DELL’EMILIA-ROMAGNA

Care Colleghe e cari...

...leggi »

Lavoro

Ordine, sindacato, gruppo di specializzazione

Faccio attività sindacale da sempre benché nella mia vita le...

...leggi »

Medicina

A Palermo un centro trapianti di livello internazionale

Orgoglio della Sicilia l’Istituto Mediterraneo per i Trapianti...

...leggi »

Cultura e Spettacolo

Fare il giornale nelle scuole

I migliori giornalini scolastici d’Italia sono usciti dalle aule per...

...leggi »

SPONSOR

PARTNER

LINK