Pubblicità

 

 

 

 

Agroalimentare

22/11/2016

Export: quando la burocrazia stanca il pomodoro


Articolo di: Serena Revetria       Foto di: Ufficio Stampa



Quando non è il caso dei dazi, ci pensano le lungaggini burocratiche a trasformare le vendite di prodotti agroalimentari all’estero in una vera e propria corsa ad ostacoli. È il caso ad esempio dei pomodori trasformati che Conserve Italia esporta da Bologna verso l’Indonesia. Come racconta il Direttore Commerciale Estero Cesare Concilio, “possono intercorrere anche più di 12 mesi dal momento in cui l’acquirente sigla il contratto di fornitura fino a quando il prodotto può essere finalmente spedito”.

Il motivo di tali lungaggini è presto spiegato. In Indonesia, come in gran parte dei paesi asiatici, esiste una normativa molto scrupolosa e articolata che regola l’accesso delle merci nel paese. Alle aziende esportatrici viene puntualmente richiesto di esibire documentazioni che dimostrino la veridicità di quanto riportato in etichetta, ad esempio che si tratti di materia prima coltivata e lavorata in Italia. Per molti prodotti è fatto obbligo anche di produrre una specifica certificazione halal che in Indonesia ha un iter diverso da quello di altri paesi musulmani.

“Nonostante tutte le difficoltà che ancora rendono lenta e macchinosa la penetrazione commerciale in Indonesia dei nostri prodotti, ulteriormente complicata anche da una distribuzione organizzata molto frammentata, - spiega Concilio – la nostra azienda è stata tra le prime a credere nelle enormi potenzialità dei mercati del sud est asiatico. Non dimentichiamo che con i suoi 255 milioni di abitanti l’Indonesia è il primo paese musulmano al mondo per numero di abitanti e il quarto paese in assoluto più popoloso al mondo”. 

Conserve Italia ha già 20 anni di esperienza di vendita in Indonesia, con un fatturato che è triplicato nel giro di pochi anni, passando dagli iniziali 70.000 euro agli attuali 200.000 euro, e che è destinato a crescere ancora. “In paesi come questi – spiega Concilio - vince chi riesce ad investire per tempo, poiché i risultati arrivano solo con gli anni e chi investe oggi riuscirà poi ad avere una posizione di privilegio”. 

Le lunghezze burocratiche e le complicazioni che le aziende europee devono purtroppo ancora fronteggiare per esportare in Indonesia sono state una delle questioni su cui il Commissario all’Agricoltura Europea Phil Hogan ha garantito l’impegno e la massima attenzione politica da parte della Commissione, nel corso della sua recente missione strategica che lo ha visto impegnato in incontri istituzionali in Indonesia, Vietnam e Singapore, accompagnato da una delegazione di 50 aziende europee.

Conserve Italia ha partecipato alla missione insieme ad altre cooperative e alla delegazione dell’Alleanza delle Cooperative Agroalimentari, guidata dal Presidente Giorgio Mercuri. 

 

 

 

maggio 2019


EDITORIALE

di: Alberto Bortolotti

Qualche tempo fa è finalmente arrivata la risposta alla domanda "a cosa servono i giornalisti a cosa serve il loro Ordine?". L'hanno data in diretta due voci radiofoniche. Sabato 27 maggio sui 97.3 e 97.6 di Radio International il giornalista Leo Vicari (dipendente dell'azienda) si è... (...segue +)

Focus

Società

Ricordi di un 25 Aprile

Per me che non ho vissuto e sperimentato l’orrore della guerra...

...leggi »

Pubblicisti

Lettera GIPU n. 25/n. 14 ai Giornalisti Pubblicisti dell'Emila-Romagna

Care Colleghe e cari Colleghi vi inviamo l'ultima...

...leggi »

Cultura e Spettacolo

Il mito di Peppone e Don Camillo: Brescello, un paese dedicato a loro ed un Museo che emoziona. Da visitare!

...

...leggi »

Internazionale

I media multiculturali in italia

I media multiculturali in Italia sono un fenomeno non tanto recente...

...leggi »

Ambiente

Un investimento sicuro?

Per decenni la casa ha costituito in assoluto l’investimento preferito degli italiani...

...leggi »

SPONSOR

PARTNER

LINK