Pubblicità

 

 

 

 

Economia

09/03/2016

Confcooperative Emilia Romagna: le donne protagoniste di una nuova imprenditorialità

“DONNE AL TIMONE. 32 STORIE DI COOPERATIVE DA RACCONTARE” IN UN LIBRO LE ESPERIENZE DI IMPRESE REGIONALI AL FEMMINILE

Confcooperative Emilia Romagna: le donne protagoniste di una nuova imprenditorialità


Articolo e foto di: centro stampa



C’è chi si prende cura del recupero e reinserimento di mamme sole, malati psichici, carcerati o immigrati, chi si occupa di formazione e inserimento occupazionale di giovani e adulti, chi gestisce scuole e centri educativi per ragazzi e disabili, chi realizza e commercializza prodotti di artigianato artistico, chi è attivo nella promozione culturale, nella consulenza aziendale e internazionale, nel credito, chi trasporta merci, chi fa traslochi e pulizie industriali.


Sono alcuni esempi delle 32 esperienze cooperative presiedute da donne imprenditrici che Confcooperative Emilia Romagna ha raccolto nel volume “Donne al timone. 32 storie di cooperative da raccontare”, curato da Elio Pezzi per la collana Idee & Progetti, dal quale emerge tutta la forza del modello cooperativo e delle sue grandi prerogative economiche, sociali e di valorizzazione del territorio. “Le storie proposte – assicura Pierlorenzo Rossi, direttore generale di Confcooperative Emilia Romagna – affermano la vivacità delle imprese cooperative al femminile, che costituiscono un vero e proprio valore aggiunto per il nostro movimento e la cooperazione, ma anche per l’intero mondo del lavoro e la società, sia per l’esemplarità e gli stimoli proposti, sia per il modello d’impresa incentrato su valori di mutualità, leadership partecipativa, impegno sociale e innovazione, che testimoniano come la cooperazione rappresenti uno strumento capace di garantire la massima valorizzazione delle persone”.


A Confcooperative Emilia Romagna aderiscono 292 cooperative a guida femminile, pari al 17,4% del totale, attive in tutte le province della regione (22 a Piacenza, 30 a Parma, 35 a Reggio Emilia, 29 a Modena, 35 a Bologna, 12 a Ferrara, 35 a Ravenna, 72 a Forlì-Cesena e 22 a Rimini), con una base sociale pari a 18.626 soci, di cui l’89,3% donne, mentre i lavoratori ammontano a 17.975 unità, di cui il 71% donne, con un volume d’affari di 670 milioni nel 2015.

Questi ed altri aspetti sono emersi dal convegno di presentazione del volume che si è svolto oggi al Palazzo della Cooperazione di Bologna, sede di Confcooperative Emilia Romagna, con la partecipazione, tra gli altri, di Francesco Milza, presidente di Confcooperative Emilia Romagna, Claudia Gatta, presidente regionale della Commissione dirigenti cooperatrici, Giovanna Zago, vicepresidente di Confcooperative e presidente nazionale della Commissione dirigenti cooperatrici, Susanna Zucchelli, direttore di Hera, Franca Cantone, docente d’organizzazione aziendale all’Università Cattolica di Piacenza, ed Emma Petitti, assessore al Bilancio, Riordino istituzionale, Risorse umane e Pari opportunità della Regione Emilia-Romagna.


Aprendo i lavori del convegno, Milza ha riaffermato che “la cooperazione, nonostante la crisi e talune esperienze negative di false cooperative, continua ad essere un modello di buona impresa che crea occupazione, valorizza il territorio, restituisce dignità alle persone”.


“Tutto questo è merito anche delle donne cooperatrici – ha aggiunto Milza – che con coraggio e fiducia in se stesse, nella cooperazione e nel futuro, hanno accettato la sfida di essere imprenditrici, puntando su aspetti, metodi e valori tipicamente cooperativi: dall’attuazione di modelli organizzativi e di leadership partecipative alla realizzazione di start up innovative di prodotti e servizi per persone, famiglie e mercati; dalla messa in opera di progetti capaci di conciliare le esigenze di flessibilità di imprese, lavoratrici e lavoratori alla integrazione sociale e civile di soci-lavoratori e dipendenti di differenti culture; dalla capacità di cambiare modello di business alla valorizzazione della creatività d’impresa per consolidarne la presenza nei mercati o inserirsi in nuovi contesti nazionali e internazionali; dall’impegno per la formazione di giovani e adulti e per il loro inserimento lavorativo allo sviluppo di servizi educativi e scolastici più equi e inclusivi”.


Proprio richiamandosi alle imprese che vedono protagoniste le donne, molte delle quali sono giovani, Claudia Gatta, Susanna Zucchelli e Franca Cantone hanno rimarcato che tali aziende rappresentano un esempio concreto di promozione delle energie e delle competenze, ma anche di valorizzazione del management femminile. Su tali concetti si è soffermata anche Giovanna Zago, secondo la quale “i valori positivi che hanno determinato il successo delle esperienze cooperative guidate dalle donne cooperatrici sono motivo di speranza non soltanto per le donne, ma per ogni tipo d’impresa e non soltanto per quella cooperativa”. “Le imprenditrici – ha aggiunto Zago – sono infatti grandi motivatrici, qualunque sia l'attività che svolgono e di conseguenza rafforzano il ruolo economico e sociale delle imprese stesse, oltre che delle socie lavoratrici”.


“In tal senso si muove anche la Regione Emilia-Romagna – ha sottolineato Emma Petitti, assessore regionale al Bilancio, Riordino istituzionale, Risorse umane e Pari opportunità – sia integrando la dimensione di genere nelle politiche regionali, sia diffondendo una cultura della parità e di contrasto agli stereotipi di genere alla base delle discriminazioni ancora subite dalle donne nella società”. Nello specifico, ha aggiunto Petitti, “la Regione Emilia-Romagna intende valorizzare e rafforzare la funzione che le donne svolgono nell'economia e nella società, ruolo indispensabile per generare uno sviluppo sostenibile e inclusivo, nella cui direzione si stanno muovendo anche le organizzazioni economiche, professionali e sindacali, tra cui Confcooperative, per contribuire a rafforzare il radicamento sul territorio di una cultura della parità e di valorizzazione delle differenze”. Per questo un “fondamentale ruolo sarà svolto dal Tavolo permanente per le politiche di genere previsto dalla legge regionale 6/2014, per attuare in modo organico e concertato politiche efficaci sull’intero territorio regionale”.


Moderato da Fabrizio Binacchi, direttore della sede Rai Emilia Romagna, il convegno ha registrato la presenza di tutte le protagoniste delle cooperative presenti nel libro, alcune delle quali hanno raccontato le loro esperienze d’imprenditrici attente e appassionate. Al termine del convegno, è stato consegnato alle rappresentanti delle cooperative raccontate in “Donne al timone” un attestato di riconoscimento per l’esempio di fedeltà ai valori mutualistici, di leadership, impegno sociale e innovazione testimoniati, così come per gli stimoli offerti all’intero sistema economico della nostra regione.


 

 

 

luglio 2017


EDITORIALE

di: Alberto Bortolotti

Qualche tempo fa è finalmente arrivata la risposta alla domanda "a cosa servono i giornalisti a cosa serve il loro Ordine?". L'hanno data in diretta due voci radiofoniche. Sabato 27 maggio sui 97.3 e 97.6 di Radio International il giornalista Leo Vicari (dipendente dell'azienda) si è... (...segue +)

Focus

Formazione

Rischio e Pericolo: 3° convegno d'autunno Università della Persona

    3° CONVEGNO D’AUTUNNO ARGELATO (BOLOGNA) c/° Emilbanca venerdì 18...

...leggi »

Turismo

A Cervia il 34° Festival Internazionale dell’Aquilone

Capitale mondiale dell’Aquilone e Patria della più straordinaria ed...

...leggi »

Lavoro

Il sopra e il sotto

Anche il 2014 si chiuderà in negativo Un altro anno no...

...leggi »

Internazionale

I media multiculturali in italia

I media multiculturali in Italia sono un fenomeno non tanto recente...

...leggi »

Scienza

Nuove tecnologie crescono all’ombra del volontariato e si nutrono di sole

Prima della partenza per l’Australia...

...leggi »

SPONSOR

PARTNER

LINK