Pubblicità

 

 

 

 

Pubblicisti

15/02/2016

L'Ordine dei Giornalisti è entrato a pieno titolo nella formazione delle professioni vigilate


Articolo di: Emilio Bonavita       Foto di: Arga



Maurizio D'Errico e' stato il piu' esplicito. " Dobbiamo imparare a rispettarci partendo dall'assunto che qualche spot politico non puo' stravolgere un intero ordinamento ordinistico, peculiarita' positiva del nostro Paese", ha detto il Presidente del Consiglio Nazionale del Notariato.
Il primo Convegno nazionale del Comitato Unitario Permanente degli Ordini e Collegi professionali sulla formazione continua "Identita', qualita' e tutela del cittadino " svoltosi il 3 febbraio nella sala congressi della Residenza di Ripetta a Roma, ha ribadito il contributo che le professioni danno per il buon funzionamento della Pubblica Amministrazione come ha dimostrato Giuseppe Roma, senior advisor del Censis.
Aspetto colto dal Sottosegretario alla Giustizia Cosimo Ferri che, di fronte all'annuncio all'unisono degli Ordini vigilati di voler firmare in tempi brevi un protocollo per il riconoscimento reciproco delle eccellenze formative e dei relativi crediti, ha ventilato un passo ulteriore verso un possibile Regolamento ministeriale interdisciplinare.


"Porte sempre aperte ai giornalisti professionisti e pubblicisti " ha dichiarato in risposta alle preoccupazioni espresse dal Presidente del Cnog Enzo Iacopino su un minacciato, imminente stravolgimento della legge voluta da Guido Gonella e approvata un altro 3 febbraio, nel 1963.
Per la modifica della Legge, da tempo il nostro Ordine ha presentato una proposta di riforma che tiene conto dei cambiamenti epocali intervenuti nella nostra professione, preservando l'autogestione della categoria e approvando nei giorni scorsi, in un'ottica di trasparenza e di semplificazione,  un "Testo unico dei doveri del giornalista ".


In precedenza, intervenendo ai lavori del convegno insieme ai rappresentanti di avvocati, commercialisti,consulenti del lavoro, notai e dell'area sanitaria,il coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico Pier Luigi Bertello aveva illustrato i dati relativi ai primi due anni di risposta dei giornalisti italiani all' obbligo della formazione permanente continua, sostanziati in 4.300 eventi in aula e 50 mila partecipanti ai corsi on line, quasi tutti gratuiti se si esclude una minima quota relativa agli enti terzi riconosciuti dal Ministero.


Mentre il coordinatore dei lavori, Giorgio Sganga,ha affermato che gli Ordini sono gli autentici intermediari della fede pubblica, la Presidente del Cup Marina Calderone ha ricordato che solo una sinergia culturale di competenze condivise consentira' alle professioni vigilate di erogare servizi di qualita' nei confronti dei cittadini.


Nella fase organizzativa del Convegno un ruolo importante ha avuto il Consigliere nazionale Roberto Zalambani, responsabile nel Cts dei rapporti con gli altri Ordini professionali; ai lavori ha partecipato anche il Consigliere professionista Mario Rebeschini. Entrambi nella serata del 2 febbraio avevano incontrato, pur casualmente, il Ministro della Giustizia sen. Andrea Orlando.



 

 

 

giugno 2017


EDITORIALE

di: Alberto Bortolotti

Respiro aria giornalistica fin da quando…sono nato. Faccio infatti parte di una famiglia giornalistica d’altri tempi papà Rino tra i fondatori di “Stadio“ (che poi lo zio Adalberto ha diretto) e mamma Annaluisa impiegata ai dimafoni (giovani lettori curiosi eh? Dopo ve lo spiego) hanno... (...segue +)

Focus

Internazionale

I media multiculturali in italia

I media multiculturali in Italia sono un fenomeno non tanto recente...

...leggi »

Rododentro

Equo compenso

Il 18 gennaio di quest’anno è entrata in vigore la legge sull’equo compenso nel...

...leggi »

Società

Romagna mia…

Ebbene si lo confesso! Adoro il “liscio” e il ricordo di balere e discoteche...

...leggi »

Formazione

Ecomondo, taglio del nastro martedì 8 novembre alle ore 10.30 presso la Hall Sud

  Alle...

...leggi »

Lavoro

Ristrutturare l’impresa. Una questione di mezzi o di pensiero?

“Qui si deve cambiare rotta…”; “ Devo...

...leggi »

SPONSOR

PARTNER

LINK