Pubblicità

 

 

 

 

Agroalimentare

01/10/2014

L’olio De Carlo piace sempre di più

Numerosi i premi e i riconoscimenti conquistati dall’azienda pugliese


Articolo di: Matteo Franzoni



Grandi soddisfazioni in casa De Carlo: il frantoio pugliese ancora una volta è stato insignito di numerosi premi e attestati a conferma dell’impegno nel lavoro e della passione che viene utilizzata quotidianamente nell’azienda.
Venerdì 28 marzo a Perugia, in occasione dell’Ercole Olivario, il concorso nazionale per la valorizzazione delle eccellenze olivicole italiane, l’olio Felice Garibaldi ha ricevuto  ha conquistato il primo posto del podio, nel fruttato delicato.
La guida Flos Olei ha nominato nelle scorse settimane la De Carlo “Azienda dell’anno 2014”. Il riconoscimento è stato assegnato in modo particolare per la produzione di un olio speciale: il Tenuta Torre di Mossa, una DOP Terra di Bari-Bitonto prodotta in quantità limitata. Lo stesso olio ha guadagnato le tre foglie sulla rinomata Guida Oli del Gambero Rosso e verrà premiato a Verona domenica 6 aprile durante la manifestazione Vinitaly.


Ma i riconoscimenti non sono stati solo a livello nazionale: l’olio biologico Tenuta Arcamone è stato premiato all’International Biol Prize 2014 guadagnando un ottimo terzo posto su 450 campioni provenienti da tutto il mondo, da questo premio ne deriva anche la Gold Medal che porta al primo posto De Carlo come produttore della miglior coratina sul territorio pugliese.


Non solo premi ma anche novità. Due infatti sono i prodotti che si aggiungono alla squadra De Carlo: le Cime di Rapa sottolio e l’Origano da Agricoltura Biologica. Le prime nascono dal desiderio di far conoscere la tradizione culinaria pugliese nel mondo, il secondo è un prodotto dal profumo unico, coltivato secondo i parametri dell’agricoltura biologica.

 

 

 

giugno 2017


EDITORIALE

di: Alberto Bortolotti

Respiro aria giornalistica fin da quando…sono nato. Faccio infatti parte di una famiglia giornalistica d’altri tempi papà Rino tra i fondatori di “Stadio“ (che poi lo zio Adalberto ha diretto) e mamma Annaluisa impiegata ai dimafoni (giovani lettori curiosi eh? Dopo ve lo spiego) hanno... (...segue +)

Focus

Agroalimentare

La birra chiara diventa ingrediente principale in cucina, non più solo abbinamento

La cucina d'autore si...

...leggi »

Scienza

Nuove tecnologie crescono all’ombra del volontariato e si nutrono di sole

Prima della partenza per l’Australia...

...leggi »

Cultura e Spettacolo

Festival della filosofia sulla gloria

Conferenza stampa a Modena per annunciare il prossimo svolgimento del Festival...

...leggi »

Internazionale

I media multiculturali in italia

I media multiculturali in Italia sono un fenomeno non tanto recente...

...leggi »

Formazione

L'importanza della formazione nella ristorazione

Con queste poche righe di presentazione inizia una rubrica di argomentazioni...

...leggi »

SPONSOR

PARTNER

LINK