Pubblicità

 

 

 

 

Cultura e Spettacolo

23/07/2014

Il jazz del Fabrizio Bosso Quartet al Casalgrande Jazz Festival

Nella splendida location di Villa Spalletti a San Donnino di Liguria note ed emozioni


Articolo e foto di: Matteo Franzoni



Notte ricca di note jazz ed emozioni nella splendida location di Villa Spalletti a San Donnino di Liguria, in provincia di Reggio Emilia con l’esibizione del famoso Fabrizio Bosso Quartet che ha allietato i tanti presenti con lo swing che contraddistingue il quartetto.


La location


Una folta affluenza di pubblico ha visto il trionfo della serata inaugurale del Casalgrande Jazz Festival tenutasi nella incantevole location di Villa Spalletti, a San Donnino di Liguria. La villa, immersa in un parco secolare, si trova a pochi passi dalla Via Emilia, tra le città di Reggio Emilia e Modena e ospita spesso eventi musicali prestandosi alla magia delle note unita all’incanto del verde che la circonda.

Ad esibirsi davanti a tantissimi estimatori, curiosi e amanti della musica jazz, il Fabrizio Bosso Quartet, capitanato dal famoso trombettista torinese, che torna ad esibirsi nella cornice di Villa Spalletti dopo una felice prima esperienza. L’affluenza di pubblico è continua tanto da far cominciare l’esibizione con qualche minuto di ritardo, ma calate le tenebre si accendono le luci e gli artisti salgono sul palco.


Il quartetto


Oltre a Fabrizio Bosso, noto trombettista, salgono sul palco Julian Oliver Mazzariello, uno dei migliori pianisti italiani in circolazione, il giovanissimo Luca Alemanno al contrabbasso e Nicola Angelucci alla batteria.

Il repertorio è composto per lo più da brani originali di Bosso, che si mostra artista maturo e completo, il quartetto delizia i presenti suonando jazz che racchiude le tante esperienze vissute dagli artisti nel corso degli anni, l’amore per lo stile bebop è sempre presente ma filtrato dalla sensibilità e gusto di Bosso.

Gli applausi al termine di ogni esibizione sono scroscianti, il pubblico è estasiato e sempre più numeroso, al punto da seguire il concerto in piedi sotto le larghe volte del cortile di Villa Spalletti.

Per oltre un’ora gli artisti deliziano gli astanti con assoli entusiasmanti e sinergie tra i vari strumenti mentre fasci di luce colorati proiettano le ombre dei musicisti creando momenti magici. Al termine dell’esibizione il pubblico ha applaudito per vari minuti consecutivamente richiamando il quartetto sul palco tranne Fabrizio che per salutare il suo pubblico ha voluto mescolarsi ad esso suonando una incantevole ninna  nanna seduto in mezzo agli spettatori che increduli ne hanno approfittato per scattare foto ricordo di una serata incantevole.

Poi Bosso prende la parola ringraziando le tante partecipazioni e dicendo che la sua fortunata esperienza musicale lo ha portato a suonare in tanti luoghi, ma Villa Spalletti, per la magia che emana, rimane una delle sue location preferite.


Due chiacchiere con Fabrizio


Dietro le quinte con Fabrizio abbiamo conosciuto l’uomo, oltre all’artista che si è fatto apprezzare sul palco. Appare subito chiaro e forte l’amore per la musica che lo porta a girare per tanti, piccoli e grandi, famosi e non, festival che vengono organizzati in Italia per far conoscere sempre più la musica jazz. Fabrizio infatti è già stato a Villa Spalletti a suonare e come prima ha raccontato al pubblico, ora racconta anche a me del feeling e della magia che si creano con tanta facilità in questo ambiente con un pubblico così ricettivo. Fabrizio apprezza il pubblico emiliano, a suo dire competente, giovane e stimolante.

Un ricordo emozionante a concludere l’intervista

Fabrizio racconta al nostro microfono un ricordo, un’emozione legata al mondo della musica pop, tra le tante esperienze infatti il trombettista piemontese vanta collaborazioni con artisti del calibro di Claudio Baglioni e Tullio De Piscopo, ed è qui che ci stupisce raccontandoci invece dell’incontro con Franco Califano. Fabrizio infatti era in studio, stava sovraincidendo “E la chiamano estate”, il Califfo è entrato proprio durante l’assolo del trombettista. Al termine della registrazione Bosso è andato in regia per salutarlo, e…Califano aveva le lacrime agli occhi, lo ha abbracciato ringraziandolo dell’emozione regalata.

Non c’è che dire, Fabrizio e la sua tromba sanno davvero emozionare!


 

 

 

novembre 2017


EDITORIALE

di: Alberto Bortolotti

Qualche tempo fa è finalmente arrivata la risposta alla domanda "a cosa servono i giornalisti a cosa serve il loro Ordine?". L'hanno data in diretta due voci radiofoniche. Sabato 27 maggio sui 97.3 e 97.6 di Radio International il giornalista Leo Vicari (dipendente dell'azienda) si è... (...segue +)

Focus

Cultura e Spettacolo

La finale del Festival del Cabaret Emergente

Si è svolta martedì 6 maggio la finale del...

...leggi »

Medicina

Diagnostica rivoluzionaria per le indagini tumorali al seno.

Si chiama Giotto Class il nuovissimo tomografo entrato in...

...leggi »

Scienza

Un certo Wilhelm Johann Carl Eduard Stieber

  Quasi certamente molti di voi si chiederanno: chi era...

...leggi »

Ambiente

Un investimento sicuro?

Per decenni la casa ha costituito in assoluto l’investimento preferito degli italiani...

...leggi »

Rododentro

Il bollino anti bufala

Le “fake news” o bufale per dirla all’italiana sembrano essere diventate il...

...leggi »

SPONSOR

PARTNER

LINK