Pubblicità

 

 

 

 

Agroalimentare

05/06/2014

Vivi Appennino Bolognese


Articolo di: Francesco Arus



Rilanciare il turismo come fonte di ricchezza per il territorio. È questo l’obiettivo che si prefigge “Vivi Appennino Bolognese”, una rete di imprese coordinata dal giovane Enrico Della Torre, titolare dello studio di promozione e comunicazione “Della T Management”.


Un traguardo che però potrà essere raggiunto soltanto se tutti gli operatori economici, commerciali e turistici si uniranno per promuovere la commercializzazione dell'offerta turistica dell'Appennino bolognese, ma anche quello - confinante - pistoiese, in un momento di forte difficoltà (un esempio su tutti, la crisi delle Terme di Porretta).


Lunedì 26 maggio, per rilanciare l'esigenza e l'urgenza di rilanciare il turismo valorizzando l’immenso patrimonio storico, ambientale ed ecologico che caratterizza l'area appenninica tosco-emiliana, si è svolta a Porretta Terme la prima Conferenza organizzativa del turismo in Appennino. Ospite d’eccezione il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti che, di fronte a una platea di quasi 400 persone, si è «impegnato personalmente a tutelare questo territorio perché tutti i vari operatori possano investire sull’Appennino per creare nuove opportunità occupazionali ed economiche». La frase ricorrente di tutta la conferenza è stata “lavoro di squadra”, solo così si potranno migliorare i servizi, a partire dalla viabilità stradale e ferroviaria.


Il rilancio di questa area passerà necessariamente dal collegamento con i tour operator, con le agenzie di viaggio, con l’Apt e l’Enit per offrire tour organizzati alla scoperta delle bellezze paesaggistiche, dei beni culturali e storici e alle tipicità enogastronoimiche dell'Appennino guardando ai sempre più numerosi turisti in visita ad importanti città come Firenze, Bologna, Pistoia, ed eventi particolarmente significativi come Expo 2015.


Prima della conferenza, alla presenza del ministro, era stata inaugurata la sede di “Vivi Appennino Bolognese” e del punto d’incontro della stampa specializzata Arga. Il ruolo della stampa specializzata è fondamentale per la promozione turistica del territorio, come sottolineato da Lisa Bellocchi, presidente di Arga Interregionale e responsabile internazionale di Unaga. Erano presenti tra l’altro il segretario generale dell’Unaga Roberto Zalambani e il Vice presidente dell’Ordine dei Giornalisti dell’Emilia Romagna Emilio Bonavita.


 

 

 

agosto 2017


EDITORIALE

di: Alberto Bortolotti

Qualche tempo fa è finalmente arrivata la risposta alla domanda "a cosa servono i giornalisti a cosa serve il loro Ordine?". L'hanno data in diretta due voci radiofoniche. Sabato 27 maggio sui 97.3 e 97.6 di Radio International il giornalista Leo Vicari (dipendente dell'azienda) si è... (...segue +)

Focus

Società

Dieci anni fa il black-out

Il 28 settembre di dieci anni fa un black-out di enormi...

...leggi »

Pubblicisti

L'Ordine dei Giornalisti è entrato a pieno titolo nella formazione delle professioni vigilate

Maurizio D'Errico...

...leggi »

Agroalimentare

SABA & SAVOR: dolcezze dalla Romagna!

 Il colore bruno intenso sapore delicatamente dolce profumo invitante ed...

...leggi »

Rododentro

(IN)giustizia italiana

Giornalista di 79 anni condannato per diffamazione incarcerato Non è certamente il primo non...

...leggi »

Ambiente

Il piano regionale sulla qualità dell'aria

Il Piano integrato sulla qualità dell’aria recentemente adottato dalla Regione...

...leggi »

SPONSOR

PARTNER

LINK