Pubblicità

 

 

 

 

Ambiente

22/11/2016

Terminati i lavori del Consorzio al Canale Collettore di Burana a Bondeno, pronti per affrontare l’inverno

Problemi idraulici e alla viabilità: queste le conseguenze della frana di un tratto della sponda destra del Canale Collettore di Burana a seguito delle eccezionali piogge dell’inverno scorso e del coinvolgimento della strada comunale per Burana un chilometro a valle dell’abitato di Burana di Bondeno. Problemi ora risolti grazie all’intervento portato a termine in questi giorni dal Consorzio della Bonifica Burana


Cinalberto Bertozzi, il direttore del Consorzio Burana spiega: “La frana di una porzione spondale di un canale importante come il Collettore di Burana, dal punto di vista idraulico, comporta il restringimento della sezione fluente con conseguente capacità di scolo diminuita. In condizioni normali il rischio è ridotto, ma chiaramente in caso di abbondanti piogge avere un canale che allontana le acque di 54mila ettari di terreni modenesi, mantovani e ferraresi – quello che tecnicamente si chiama il bacino delle acque basse di Burana - con una strozzatura, per noi rappresentava un problema da risolvere nel più breve tempo possibile. E sicuramente prima del nuovo periodo invernale. Senza dimenticare le ripercussioni sulla zona dovute alla chiusura della sede stradale interessata dal franamento, letteralmente collassata insieme alla sponda del canale”.


L’intervento al Canale Collettore di Burana, concretamente, ha messo in atto un mix di tecniche tradizionali e innovative provvedendo allo scavo e rimozione di 35 metri di sponda franata, nell’infissione di palancole in acciaio della lunghezza di 8 metri, nella ricostruzione della sponda con terreno e pietrame calcareo certificato provenienti da cava e nel ripristino della fondazione e della sovrastruttura stradale asfaltata. 120mila euro l’importo totale dei lavori, di cui 70mila finanziati dalla Regione Emilia-Romagna e i rimanenti da Consorzio Burana e Comune di Bondeno.


Il Presidente Francesco Vincenzi aggiunge: “Lì dove la manutenzione del territorio non può attuarsi in modo preventivo, è fondamentale almeno dare soluzioni rapide che evitino l’accentuarsi delle situazioni di pericolo. Il canale Collettore di Burana è fondamentale sia per allontanare le acque di pioggia in inverno che per la distribuzione idrica per l’irrigazione in estate. Anche se le fragilità intrinseche al nostro territorio e la straordinaria frequenza di eventi metereologici eccezionali come quelli di febbraio e marzo scorso richiedono una riflessione importante sulla validità del perpetuare la strada della riparazione del danno. Tema su cui la bonifica sta insistendo da tempo ormai.”


 

 

 

aprile 2021


EDITORIALE

di: Alberto Bortolotti

Qualche tempo fa è finalmente arrivata la risposta alla domanda "a cosa servono i giornalisti a cosa serve il loro Ordine?". L'hanno data in diretta due voci radiofoniche. Sabato 27 maggio sui 97.3 e 97.6 di Radio International il giornalista Leo Vicari (dipendente dell'azienda) si è... (...segue +)

Focus

Lavoro

Il cambiamento aziendale come strumento di accreditamento

Grandi cambiamenti in atto Il mondo non è più...

...leggi »

Scienza

Solare innovativo a concentrazione al via in Umbria

Il solare a concentrazione continua il suo cammino...

...leggi »

Agroalimentare

Olio extravergine, annus horribilis

Volgendo lo sguardo verso l’annata agraria che si sta chiudendo anche a...

...leggi »

Rododentro

Dove vanno a finire i soldi che lo Stato dà ai giornali?

Di sicuro non servono...

...leggi »

Pubblicisti

LETTERA GIPU N. 6 (35) – Consiliatura 2017-2020 AI GIORNALISTI PUBBLICISTI DELL’EMILIA-ROMAGNA

Care Colleghe e cari...

...leggi »

SPONSOR

PARTNER

LINK