Pubblicità

 

 

 

 

Agroalimentare

04/03/2014

Bestack fra le realtà italiane protagoniste a Fruit Logistica a Berlino

Il consorzio forlivese, che ad oggi rappresenta oltre il 95% della produzione italiana di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta, è volato in Germania per partecipare alla grande kermesse ortofrutticola


Articolo e foto di: Carlotta Benini



C’è anche Bestack fra le realtà italiane che sono volate in Germania per partecipare alla nuova edizione di Fruit Logistica, la kemesse di riferimento a livello mondiale per l‘universo ortofrutticolo, che si è tenuta   in  febbraio alla Fiera Messe di Berlino.


Il Consorzio, che ha la sua sede operativa in Romagna, a Forlì, ad oggi rappresenta oltre il 95% della produzione italiana di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta: nato nel 2004, negli ultimi 10 anni ha concentrato la sua attività nel promuovere e raccogliere studi, analisi, banche dati e case history per portare innovazione al comparto produttivo, garantire le performance di questo tipo di imballaggio e contribuire alla competitività dell'ortofrutta italiana.


A Fruit Logistica Bestack è presente con una piccola installazione nello spazio collettivo “Piazza Italia” del Centro Servizi Ortofrutticoli (CSO), dedicata all’italianità dei prodotti ortofrutticoli di qualità e agli imballaggi che li valorizzano al meglio, ovvero quelli in cartone ondulato certificati “Bestack Quality Approved”. Quattro fumetti in versione bilingue, italiano e tedesco, raccontano al pubblico della kermesse ortofrutticola berlinese le performance uniche del cartone ondulato: il packaging ideale per conservare gusto e sapore di frutta e verdura, con un occhio di riguardo verso quei valori oggi sempre più attuali come la sostenibilità ambientale e la riduzione degli sprechi.


L’installazione che Bestack ha portato a Berlino è composta da sei imballaggi decorati a mano dallo street writer Luca Moretti. Sono pezzi unici ed esclusivi, l’uno diverso dall’altro, a testimonianza del massimo grado di personalizzazione che si può ottenere con il packaging per valorizzare il prodotto contenuto. Questa personalizzazione estrema delle confezioni è un trend che costantemente si conferma: attira, fidelizza, fa sentire proprio il prodotto che viene acquistato. Nutella e Coca Cola, che oggi scrivono i nomi del consumatore sui propri prodotti, ne sono l’ultima conferma.


Del resto, la storia è piena di illustri interpretazioni in chiave artistica di imballaggi e prodotti alimentari, basti pensare alla Pop Art e ai celebri barattoli di zuppa Campbell, diventati icone mondiali della comunicazione di immagine. Andy Warhol docet!


 

 

 

agosto 2017


EDITORIALE

di: Alberto Bortolotti

Qualche tempo fa è finalmente arrivata la risposta alla domanda "a cosa servono i giornalisti a cosa serve il loro Ordine?". L'hanno data in diretta due voci radiofoniche. Sabato 27 maggio sui 97.3 e 97.6 di Radio International il giornalista Leo Vicari (dipendente dell'azienda) si è... (...segue +)

Focus

Lavoro

Brainworker. Chi è costui?

Tra le nuove figure di questo nostro tempo c’è n’è una che...

...leggi »

Pubblicisti

L’assemblea annuale degli iscritti

Nella mattina di sabato 22 marzo 2014 presso l’Hotel Savoia sito nella...

...leggi »

Agroalimentare

Agrintesa e Brio, protagonisti nel bio

Un nuovo ruolo nel biologico che rafforzi una presenza già...

...leggi »

Formazione

Corso per pizza ad altissima digeribilità con le farine del Molino sul Clitunno

  Molino sul...

...leggi »

Società

La doccia gelata bagna anche le imprese

Attraverso il fenomeno virale delle secchiate d’acqua gelata sulla...

...leggi »

SPONSOR

PARTNER

LINK