Foto ricordo scattata da Koen Audenaert, il comandante belga della mongolfiera

 

 

 

 

   Pubblicità

 

 

 

 

Turismo

18/09/2013

Un Po di Mongolfiere


Articolo e foto di: Mario Rebeschini



Se avete tempo regalatevi una giornata a Ferrara nel mondo delle mongolfiere, nel “Balloons Festival” 2013. Sarete avvolti da colori, musiche sguardi stupiti di bambini. Se riuscite poi ad alzarvi in volo con un gruppo di amici dentro il piccolo cesto di vimini come ho avuto la fortuna di entrarci io, tornerete  a casa con ricordi di indimenticabili paesaggi e la bella sensazione di aver volato come un’aquila nel silenzio del cielo accarezzati dal vento. Sinceramente fino a quando non ti spingono dentro al cesto si rimane sempre un po’ incerti. Dopo non hai più tempo di ripensarci perché con tre soffi di gas il pallone si alza di centinaia di metri e inizia a seguire il vento.


A guidare la nostra mongolfiera c’è Koen Audenaert un  sorridente e calmo signore belga con 25 anni di esperienze di volo in tutto il mondo. Dopo Ferrara farà tappa in Messico sempre seguito dai due suoi amici per l’assistenza e  il recupero della mongolfiera una volta atterrati. Koen ci regala anche una foto scattata da una macchinetta fissata su una lunga asta di metallo.


Fotografare il Po dalla mongolfiera è quello che avevi sempre sognato: scattare con calma scegliendo il punto dell’ansa del fiume, il villaggio di nuovissime case, boschi, spiagge di sabbia e i disegni e i colori pastello dei campi.

Nel cesto con  me insieme a mia moglie si sono due giovani fotoreporter e un signore arrivato dal veronese con il figlio Omar di dieci anni. “Appena ho saputo del festival – dice - ho deciso di fare una esperienza forte con mio figlio. Anche lui, come è successo a me con mio padre, deve avere dei momenti belli da ricordare”.


E’ arrivato il momento di atterrare. Occorre trovare uno spazio senza alberi, canali e pali dell’Enel. Il comandante da tutte le indicazioni per l’atterraggio: “Tenere le gambe non rigide, reggersi forte nei maniglioni di corda. Può darsi che il cesto non si fermi al primo impatto e saltelli. Niente paura siamo arrivati”. Ci guarda e sorride. Il nostro cesto ha saltellato un paio di volte coricandosi nel campo. Ridendo e un po’ imbarazzati ci scavalchiamo e usciamo dal cesto. Il piccolo Omar  va dal papà e lo abbraccia.


Il “Balloons Festival” voluto da Ferrara Fiere Congressi e Multimedia Tre, è finito domenica 15 settembre nel  Parco Urbano G. Bassani, fuori dalle mura di Ferrara. Per saperne di più: www.ferrarafestival.it - Per prenotare voli in mongolfiera o dirigibile: voli@multimediatre.com Tel.:393 9015353

 

 

 

settembre 2017


EDITORIALE

di: Alberto Bortolotti

Qualche tempo fa è finalmente arrivata la risposta alla domanda "a cosa servono i giornalisti a cosa serve il loro Ordine?". L'hanno data in diretta due voci radiofoniche. Sabato 27 maggio sui 97.3 e 97.6 di Radio International il giornalista Leo Vicari (dipendente dell'azienda) si è... (...segue +)

Focus

Formazione

Ruolo e responsabilità del giornalista nel promuovere la lotta allo spreco attraverso le nuove tecnologie e la meccanizzazione nell'agroalimentare

...

...leggi »

Turismo

Il piccolo narratore di Petra

Il taxi un Toyota pick up grigio mi scarica davanti a...

...leggi »

Società

SACA incrementa la flotta con nuovi pullman ad emissioni zero

Si è svolta a Bologna il...

...leggi »

Scienza

Alan Turing. La persecuzione di un genio

Ci sono tre cose che indiscutibilmente sono associate alla...

...leggi »

Economia

Leggera flessione per le imprese femminili

A fine marzo sono 84484 pressoché invariate rispetto all’anno precedente...

...leggi »

SPONSOR

PARTNER

LINK