Pubblicità

 

 

 

 

Agroalimentare

05/05/2015

Molino sul Clitunno partner del pic nic più famoso d'Italia

L'azienda di Trevi, in Umbria, propone i suoi laboratori sulla panificazione


Articolo e foto di: Emilio Bonavita



L'appuntamento con l'ormai famoso Pic Nic tra gli ulivi a Trevi, dedicato al vivere lento, al buon cibo e al saper fare, si è svolto nel weekend del 25 e 26 aprile e quest'anno ha avuto un partner speciale che ben si sposa con l'evento: Molino sul Clitunno (www.molinosulclitunno.it).


Con sede a Trevi, vicino alle sponde del fiume Clitunno, l'azienda è leader nella trasformazione di grani con la sua più che trentennale esperienza nel mercato delle farine personalizzate, farine speciali per panificazione, pizzeria e pasticceria. Una storia ricca di traguardi come le diverse certificazioni per la qualità dei propri prodotti, quali HACCP Certificate UNI: 10854:1999, la BRC Food Certificate nonché l’autocertificazione “enzimi free”. E siccome il tema centrale della due giorni del  Picnic era il "saper fare", il Molino sul Clitunno ha proposto corsi per imparare a fare il pane utilizzando il lievito madre della banca del lievito della gastronomia Andreani di Collepepe di Perugia e corsi per imparare a fare la pizza con Riccardo Menon, esperto e campione mondiale di pizza nel 1995 nonchè fondatore della storica pizzeria romana “World’s Pizza”.


Nello specifico la farina del Molino per la pizza contiene farina di soia, un emulsionante naturale ottimo per chi ha carenze proteiche, per i vegetariani e per chi ama mangiare leggero. La location dei corsi? I pregevoli spazi dell'oleoteca (ex mattatoio), in pieno centro storico, risalenti alla prima metà dell'Ottocento e ora ottimamente restaurati.


Pic Nic a Trevi è stata inoltre l'occasione per presentare il nuovo nato in casa Molino: il Pandelclitunno, un mix per panificazione ricco di fibre e vitamine per un'alimentazione sempre più attenta alle esigenze delle famiglie.


Una realtà, quella del Molino sul Clitunno, che unisce alla tradizione e alla passione di una azienda e di una grande famiglia, l'innovazione di processi produttivi che si traducono nel miglioramento e nella ricerca di nuovi prodotti.


Alla manifestazione era presente una folta delegazione dell'Arga interregionale Emilia-Romagna, Marche e Umbria.

 

 

 

settembre 2017


EDITORIALE

di: Alberto Bortolotti

Qualche tempo fa è finalmente arrivata la risposta alla domanda "a cosa servono i giornalisti a cosa serve il loro Ordine?". L'hanno data in diretta due voci radiofoniche. Sabato 27 maggio sui 97.3 e 97.6 di Radio International il giornalista Leo Vicari (dipendente dell'azienda) si è... (...segue +)

Focus

Economia

Emilia-Romagna: prosegue la crescita sui mercati esteri

Nel 2016 il valore delle esportazioni dell’Emilia-Romagna ha superato...

...leggi »

Scienza

L’uso sostenibile della risorsa idrica in ambito industriale

Nel corso di questo XXI secolo probabilmente l'acqua...

...leggi »

Società

La mediazione per la risoluzione delle controversie civili e commerciali

Il presente contributo si propone la...

...leggi »

Lavoro

Brainworker. Chi è costui?

Tra le nuove figure di questo nostro tempo c’è n’è una che...

...leggi »

Turismo

“Di torre in torre”

La macchina organizzativa del Comune di Formigine si dimostra impeccabile alle 1530...

...leggi »

SPONSOR

PARTNER

LINK