Pubblicità

 

 

 

 

Turismo

30/05/2017

Bologna la Rossa Bologna la Verde


Articolo e foto di: Roberta Lasi



Rossa come i colori delle case, dei portici e dei tetti, verde come gli spazi inaspettati all’interno delle sue mura antiche. 

E per scoprire questi incantevoli spazi verdi, anche quest'anno, 2017, il felice appuntamento di mezza primavera, con visita dei giardini bolognesi. Dal 19 al 21 maggio si è tenuta la quarta edizione Diverdeinverde , manifestazione della fondazione Villa Ghigi, che ha permesso l'apertura di 48 giardini della città e della collina. 

Bellissimo è stato vedere gruppi di persone nell’assolato weekend che, cartine alla mano, studiavano le coordinate per trovare agli indirizzi indicati, giardini inaspettati e insospettabili, impegnati in una divertente “caccia al Tesoro Verde”. Nei cortili di case popolari o nobiliari, del centro storico di Bologna, si nascondono angoli di verde dalle caratteristiche più disparate unite dal desiderio di chi le ha realizzate, anche nei secoli passati, di avere un angolo di ristoro. Ritemprarsi nel cortile di casa a contatto della natura, seppur addomesticata, o coltivare preziosi ortaggi o espressione di fasti di potere, sono infatti i grandi denominatori motivanti, anche se quello unico è che “il Verde vince sempre”

Il giardino più suggestivo, aperto per l'avvenimento, è stato senz'altro gli Orti di Orfeo, in via della Braina, tra Santo Stefano e Rialto. Difficile descrivere la meravigliosa sensazione di poetica quiete che ti prende fin da subito. È un angolo di campagna ottocentesca, una vera Corte Agricola interna inserita in città. Se si pensa che qualche anno fa volevano distruggerlo per realizzare parcheggi pur sotterranei viene la pelle d'oca. In mezzo a cavoli e carciofi, fichi, ciliegi e pergole di vite non si vede nemmeno un oca o una  gallina, come era di usanza un tempo, ma panchine, semplici ed antiche, per godersi l’ombra di alberi e pergolati. E lì ti dimentichi che siamo in piena città. 

Gli orti di Orfeo, sono uno degli ultimi esempi di coltivazione ortiva di origine conventuale nel centro di Bologna. La presenza è documentata fin dalla metà del seicento quando l'antico oratorio di Ognissanti su via della Braina, fu trasformato in chiesa e le case vicine, sede di congregazione religiosa. Nel secolo successivo il tutto venne acquistato da un ordine religioso femminile e sorse anche su via Orfeo, un istituto femminile di Francescane con propria zona ortiva. La riunificazione poi delle due aree portò ad una estesa zona di coltivazione con pozzo e una piccola pescheria, che forniva il pesce per i giorni di magro. Una deviazione del canale di Savena forniva acqua per l'irrigazione. Soppressi gli istituti nel 1810 da Napoleone, il complesso venne acquistato infine nel 1857 dalla famiglia Ranuzzi e divenne la sede del Pio Istituto delle Sordomute Povere di Bologna, opera pia rimasta attiva per circa un secolo. 

Questa area verde ha incredibilmente conservato le dimensioni e l'aspetto dell'antico orto monastico, un vero angolo di soave e poetica quiete a Bologna.

 

 

 

luglio 2019


EDITORIALE

di: Alberto Bortolotti

Qualche tempo fa è finalmente arrivata la risposta alla domanda "a cosa servono i giornalisti a cosa serve il loro Ordine?". L'hanno data in diretta due voci radiofoniche. Sabato 27 maggio sui 97.3 e 97.6 di Radio International il giornalista Leo Vicari (dipendente dell'azienda) si è... (...segue +)

Focus

Cultura e Spettacolo

Alle Antiche Terme di Salvarola un incontro con il ministro per le riforme

Una serata in...

...leggi »

Lavoro

Ordine, sindacato, gruppo di specializzazione

Faccio attività sindacale da sempre benché nella mia vita le...

...leggi »

Rododentro

(IN)giustizia italiana

Giornalista di 79 anni condannato per diffamazione incarcerato Non è certamente il primo non...

...leggi »

Società

Ugo Bellocchi

Ugo Bellocchi è stato presidente della Deputazione reggiana di Storia patria dal 1968 al 1977...

...leggi »

Ambiente

Un investimento sicuro?

Per decenni la casa ha costituito in assoluto l’investimento preferito degli italiani...

...leggi »

SPONSOR

PARTNER

LINK