Pubblicità

 

 

 

 

Economia

05/12/2017

Mobilità sostenibile. L'ibrido? Lo trasformo a GPL


Articolo di: Redazione       Foto di: Redazione



Al recente Salone di Tokyo Toyota ha dato notizia del lancio, per il mercato giapponese, di un taxi ibrido a GPL. Recente anche l’immissione sul mercato italiano della versione a GPL per la gamma ibrida Suzuki.


Due ottimi esempi di utilizzo della tecnologia a favore della mobilità sostenibile – sostiene il Consorzio Ecogas, associazione che riunisce gli operatori del settore del GPL e del metano per autotrazione – in quanto due tecnologie efficienti possono amplificare i benefici per l’ambiente e per il portafoglio.

L’automobilista che voglia usufruire dei vantaggi offerti dalla propulsione elettrica e da quella a gas unite insieme ha anche un’altra possibilità a disposizione: la trasformazione in after market.


Risale infatti al 5 novembre 2013 la circolare della Motorizzazione 27253, che regolamenta l'omologazione e l'installazione di sistemi di adattamento GPL e metano per i veicoli ibridi già in circolazione. Il documento prende atto del fatto che risultano sempre più numerose le richieste di trasformazione dell’alimentazione di veicoli ibridi ad alimentazione GPL/CNG.


“Come noto – evidenzia la circolare - i veicoli ibridi in circolazione sono dotati di propulsione meccanica ricavata da un carburante di consumo e da un dispositivo per l’immagazzinamento dell’energia elettrica. In previsione di istanze da parte dell’utenza tese ad ottenere l’autorizzazione alla circolazione di veicoli ibridi con l’installazione di impianto a gas LPG/CNG si rende necessario chiarire la procedura da seguire per la loro omologazione.”


Attualmente sono già in commercio impianti per la trasformazione a GPL in after market regolarmente omologati come previsto dalla Circolare adatti a molti modelli ibridi in commercio.

Le procedure di collaudo presso gli UMC della Motorizzazione rimangono invariate rispetto a quelle già stabilite per i veicoli a benzina e la modifica all’alimentazione del veicolo viene quindi annotata sulla carta di circolazione.


“Un ottimo modo per ridurre al minimo la quantità di inquinanti emessi in atmosfera e al contempo risparmiare davvero tanto – sottolinea Alessandro Tramontano, presidente del Consorzio Ecogas -. Questo vale soprattutto per chi non si muove solo in città, ambiente dove la trazione ibrida è particolarmente conveniente. Infatti, sui percorsi extraurbani arriva in soccorso il gas.”

 

 

 

agosto 2019


EDITORIALE

di: Alberto Bortolotti

Qualche tempo fa è finalmente arrivata la risposta alla domanda "a cosa servono i giornalisti a cosa serve il loro Ordine?". L'hanno data in diretta due voci radiofoniche. Sabato 27 maggio sui 97.3 e 97.6 di Radio International il giornalista Leo Vicari (dipendente dell'azienda) si è... (...segue +)

Focus

Sport e auto

Al via la prima edizione del Comic Tennis


Dal cilindro di Riccardo Benini istrionico showman modenese...

...leggi »

Ambiente

Ecomondo, dal 7 al 10 novembre alle fiera di Rimini

Ecomondo non è più soltanto...

...leggi »

Economia

Lamborghini investe sulla logistica

Un altro step verso il raggiungimento del Progetto CO2 neutrale Razionalizzazione della rete...

...leggi »

Turismo

Piacenza da scoprire

Piacenza città triste grigia ed austera con un’identità incerta: emiliana o lombarda? Sono...

...leggi »

Agroalimentare

SABA & SAVOR: dolcezze dalla Romagna!

 Il colore bruno intenso sapore delicatamente dolce profumo invitante ed...

...leggi »

SPONSOR

PARTNER

LINK