Pubblicità

 

 

 

 

Cultura e Spettacolo

05/05/2014

Pretty, un motivo per essere carini

Un grande cast cinematografico a interpretare la commedia di Neil LaBute


Articolo e foto di: Matteo Franzoni



Chiacchiere e incomprensioni amorose, ecco ci cosa tratta la commedia di Neil LaBute che realizza anche una feroce ed esilarante riflessione sull’ossessione della bellezza nei rapporti personali in un mondo in cui le apparenze diventano fondamentali come parametro di giudizio. Un’analisi anche sui sessi e sul loro diverso rapporto con la bellezza, sui falsi miti dell’epoca contemporanea che il fascino può portare.


Al centro della commedia ci sono due coppie di amici: Greg e Steph, Kent e Carly.

Tutto inizia con un furibondo litigio tra Steph e Greg, quest’ultimo, conversando con il suo amico e collega Kent, dice che la sua fidanzata è “normale” ma che non la cambierebbe per nulla al mondo. Ad ascoltare, per caso, questa conversazione è Carly che la riferisce parzialmente alla sua amica Steph; ne scaturiscono gravi conseguenze perché Steph, dal carattere irascibile e polemico, non sopporta di stare con un uomo che non la considera bella e tronca la relazione con Greg.

La commedia esilarante ma allo stesso tempo pungente fa riflettere sui sensi di colpa, sulle bugie e sulle cose dette e non dette. Ben presto tutti i protagonisti finiranno per essere invischiati in un intrigo di segreti e tradimenti da cui nessuno riuscirà a sfuggire. Reasons to be pretty è l’ultima parte di una trilogia di Neil LaBute cominciata nel 2001 con The Shape of Things (La forma delle cose) proseguita nel 2004 con Fat Pig (Grasso come un maiale) ed è una feroce ed esilarante commedia sull’amore e sull’importanza di avere fiducia in amore.

E’ il mondo d’oggi fatto di conversazioni leggere, egoismo e la superficialità delle relazioni umane.


La commedia ci fa riflettere su quanto possa essere importante la bellezza fisica anche dopo diverso tempo in un rapporto consolidato tra uomo e donna, intesa anche come rafforzamento per l’attrazione fisica.

Lo spettacolo ci porta ad esprimere il nostro vero pensiero sull’amore, sulle chiacchiere e incomprensioni così come sulla fiducia e i sentimenti, fondamenti delle relazioni umane.

Dunque tramite l’ossessione per la bellezza, o per la sua mancanza nei rapporti personali, tra crudeltà e incomprensioni, fa pensare agli impulsi più oscuri degli uomini.


Alla fine dello spettacolo c’è stata l’opportunità di fare due chiacchiere con i protagonisti maschili della commedia, Giulio Forges Davanzati (Kent) e Filippo Nigro (Greg).

A Giulio abbiamo chiesto quanto conta la verità per un attore, con meraviglia e sorpresa ci ha risposto che è importantissima e ognuno deve portare sempre un pezzo di verità in scena per rendere più divertente l’esibizione per gli attori stessi.

Abbiamo la riprova alla domanda successiva quando gli chiediamo se fingere per gli attori nella realtà della vita di tutti i giorni sia più facile rispetto alla gente comune perché Giulio è certo che non sia così, anche perché a suo parere gli attori non mentono ma trasmettono la realtà giocando con il pubblico.

Poi mossi da curiosità chiediamo quanto sia importante la bellezza per gli attori in scena e nella vita  e qui l’attore non nega che la bellezza esteriore e fisica sia importante ma ci fa intuire che la bellezza interiore e spirituale può contribuire altrettanto alla felicità del nostro essere.


Dopo aver salutato Giulio con un grande in bocca al lupo per tutta la sua carriera si è reso disponibile Filippo al quale abbiamo rivolto le stesse domande.

Subito ha fatto una distinzione tra bellezza estetica e bellezza in senso assoluto inteso come l’arte e ha aggiunto che molto spesso accade come nella commedia che la bellezza coincida con la felicità. Sull’argomentazione della falsità conferma che nella vita di tutti i giorni non è una persona falsa, anzi, ci racconta di non riuscire affatto a mentire, di essere un libro aperto, capace addirittura di arrossire mentre in scena è tutta un’atra cosa e da professionista riesce a calarsi nella parte.

A lui abbiamo chiesto come se la cava con le donne nella vita reale: ci ha risposto che certamente non è impacciato come Greg, ma un paio di volte è accaduto anche a lui che una frase detta così per gioco sia stata mal interpretata e da questi episodi ha imparato a misurare e soppesare le parole dette, in modo particolare al sesso opposto per non incorrere in catastrofi come accade al personaggio da lui interpretato.

Tra una risata e l’altra ci congediamo augurando anche a lui un buon avvenire e personalmente chiedo la cortesia di un autografo per mia moglie dicendogli che se non me lo avesse concesso avrei dovuto faticare non poco per giustificare la mancanza…lui mi guarda, non so se con gli occhi di Filippo o quelli di Greg e molto gentilmente mi concede l’autografo, per questa sera sono salvo!


 

 

Tags:

neil labute - commedia -

 

luglio 2017


EDITORIALE

di: Alberto Bortolotti

Qualche tempo fa è finalmente arrivata la risposta alla domanda "a cosa servono i giornalisti a cosa serve il loro Ordine?". L'hanno data in diretta due voci radiofoniche. Sabato 27 maggio sui 97.3 e 97.6 di Radio International il giornalista Leo Vicari (dipendente dell'azienda) si è... (...segue +)

Focus

Formazione

Un nuovo apprendimento: cambiare il modo di cambiare

Abbiamo bisogno di ripartire se non da zero...

...leggi »

Cultura e Spettacolo

Pensieri e parole tra Leo Turrini e Mogol

Ospite d’eccezione Giulio Rapetti in arte Mogol a...

...leggi »

Medicina

Diagnostica rivoluzionaria per le indagini tumorali al seno.

Si chiama Giotto Class il nuovissimo tomografo entrato in...

...leggi »

Sport e auto

La nuova Lamborghini Huracán LP 610-4

Tecnologia innovativa e performance di livello assoluto ridefiniscono l'esperienza di...

...leggi »

Pubblicisti

Lettera GIPU n. 22/n. 11 ai Giornalisti Pubblicisti dell'Emila-Romagna

Care Colleghe e cari Colleghi vi inviamo la...

...leggi »

SPONSOR

PARTNER

LINK